Comune di Alagna Valsesia - Provincia di Vercelli - Piemonte

domenica 19 gennaio 2020

Navigazione del sito

Percorso di navigazione

 Ti trovi in:  Home » Guida al paese

Stampa Stampa

GUIDA TURISTICA

Il Teatro dell'Unione Alagnese

Il Teatro dell'Unione Alagnese


Il Teatro dell’Unione Alagnese, che si localizza a Pedelegno, è stato inaugurato il 30 dicembre 1900 e conserva all'interno le allegorie di Ars e Labor, opera del pittore valsesiano Camillo Verno
(Campertogno 1870 - 1942).

In quei tempi era usanza allestire sacre rappresentazioni sul sagrato della Chiesa con attori improvvisati e volontari. I testi sacri in particolare la Passione di Cristo, si svolgevano in pieno inverno con gli spettatori seduti su panche o sedie di loro proprietà ed avvolti in grandi coperte. Le recite avvenivano in lingua walser e duravano molto. Alla conclusione della rappresentazione tutti gli attori, tranne il “diavolo” ed il “carnefice”, si recavano in Chiesa per la benedizione, seguiti, in processione, dal pubblico. Negli anni seguenti, per non recitare all’aperto e senza una struttura pubblica, queste “società teatrali provvisorie”, dovettero ricorrere alla liberalità degli albergatori per realizzare intrattenimenti e manifestazioni cittadine.
Così nel 1855 fu costituita la Società Teatrale che divenne, il 20 febbraio 1881, Società Filodrammatica. I proventi delle manifestazioni, dei balli, delle recite e le rimesse degli emigranti dall’estero confluirono in un fondo per la costruzione di un teatro stabile e la Società Filodrammatica portò avanti l’iniziativa, affrontando l’opposizione di una parte della popolazione che avrebbe voluto la costruzione di nuove scuole o l’ampliamento del cimitero.
Finalmente nel 1898, vinte tutte le resistenze, il Presidente del Comitato promotore Giovanni Viotti annunciò pubblicamente l’avvio lavori del teatro dell’Unione Alagnese e affidò questo incarico a Pietro Viotti, che era l’autore del progetto e il direttore dei lavori. L’ acceso fautore della costruzione e concreto sostenitore del progetto fu Michele Necer, il quale, emigrante in Svizzera, intratteneva una fitta corrispondenza dalla quale traspariva la voglia di creare una casa comune per tutti gli alagnesi. Desiderava anche installare una latteria sociale per tutti i contadini, da mettere nel sotterraneo dell’Unione Alagnese con condizioni igieniche ottimali. Il milanese Ercole Soriani fornì gli scenari e gli arredi teatrali.
L’elenco dei benefattori si allungò, anche con materiali e prestazioni d’opera gratuite, ma fu necessario un mutuo di £ 7.000 a favore dell’Unione Alagnese, che venne estinto nei tempi e nei modi previsti dal contratto.
L’inaugurazione avvenne con una memorabile cerimonia domenica 30 dicembre 1900 alle ore 9 del mattino. Fu una giornata storica per Alagna ed i suoi cittadini che videro avverarsi il sogno di quasi mezzo secolo. Scriveva il corrispondente di un settimanale locale nel gennaio 1900: "Anche in quest''angolo remoto della nostra Italia, sebbene assai lontano da ogni centro sociale, è penetrato lo spirito di modernità, come lo provano le frequenti manifestazioni d''indole sociale che ci è dato osservare, e ciò è particolarmente dovuto all''emigrazione, la quale, se ha molti inconvenienti, di cui è certamente il più deplorevole quello della separazione dalla propria famiglia che gli emigranti devono imporsi, ha pure il grande vantaggio di mettere i nostri convalligiani in condizioni di poter ritornare al paese natio, non solo col frutto del loro assiduo lavoro o risparmio, ma ben anche con notevole corredo di cognizioni, e di idee ispirate alla civiltà e alla vita moderna. Una di queste idee, che a tutta prima, era generalmente considerata per una pura utopia di impossibile realizzazione, ha invece potuto essere attuata grazie alla energia e tenace perseveranza spiegata da quei pochi che se n''erano occupati..." L'anonimo cronista alludeva al grande progetto di un teatro alagnese, che all''epoca dello scritto era in avanzata fase di costruzione e che, pochi mesi dopo, il 30 dicembre 1900, sarebbe stato ufficialmente inaugurato. Da quel momento l’Unione Alagnese è diventato il ritrovo di tutta la gente.
Inserito nell’omonimo fabbricato, il Teatro dell’Unione Alagnese è uno dei pochi immobili valsesiani del 1800 che ancora conserva la configurazione esterna in pietra a vista, l’arredamento e la decorazione interna dell’epoca. Il tetto a due falde è formato da lastre in pietra o piode (blatte) e il sottotetto è utilizzato come magazzino di materiali per gli allestimenti scenici, con un piccolo argano al centro del palcoscenico per il rilascio e il ritiro degli oggetti più pesanti.
Il salone del Teatro si trova al piano superiore dello stabile ed è a pianta rettangolare. Il lato inferiore a nord accoglie il palcoscenico ed i camerini mentre quello a sud, oltre all’ingresso per gli spettatori, è dotato di soppalco finemente decorato, riservato agli ospiti e munito di cabina di proiezione. Ai lati del palcoscenico si trovano, dipinte su tela, opere del pittore valsesiano Camillo Verno che rappresentano l’allegoria delle Arti, mentre al centro troneggia una testa di porco inghirlandata, simbolo di Alagna Valsesia (“schwi”). I posti a sedere sono complessivamente un centinaio. Il soffitto è decorato “optical” con un lampadario in vetro.
Il piano terreno, inizialmente, era costituito da una sala da ballo ed alcune salette destinate ad uso sociale. La sala da ballo è stata trasformata in bar ristorante; le salette sono tuttora riservate alle associazioni affiliate all’Unione Alagnese e talvolta concesse in uso a privati per mostre. L’illuminazione originaria era a gas d’acetilene e l’impianto si trovava in un piccolo vano al seminterrato. In alcuni locali sono ancora visibili i lampadari a gas, che sono stati riciclati in un secondo tempo senza manometterli per l’energia elettrica.
Nel seminterrato era funzionante una “cantina” (bar), la cui apertura era limitata unicamente nei giorni o nelle sere delle manifestazioni, riunioni, balli o spettacoli teatrali. Era gestita da volontari ed i proventi erano destinati alle casse dell’Unione. Lì in seguito sono stati ricavati: la “sala della musica”, i servizi, i ripostigli e il locale per la caldaia.
Il riscaldamento era alimentato da stufe a legna sistemate al piano terreno nella sala da ballo e all’interno del teatro nelle due nicchie ai lati del palcoscenico. Una piccola stufa era collocata nel retro del palco per riscaldare i camerini durante la stagione invernale. In seguito al posto delle stufe misero caloriferi a legna, gas e a “cippato”.
Recentemente il Teatro è stato dotato d’impianto anti-incendio, mentre quello elettrico è stato sostituito nel pieno rispetto delle norme di sicurezza.





Riferimenti del comune e Menu rapido


Comune di Alagna Valsesia, Piazza Municipio, 1
13021 Alagna Valsesia (VC) - Telefono: 0163-922944 Fax: 0163-91420
C.F. 82000010023 - P.Iva: 00437970023
E-mail: protocollo@comune.alagnavalsesia.vc.it   E-mail certificata: comune.alagnavalsesia.vc@legalmail.it